Convocazione Assemblea Ordinaria Intermedia (Modalita’ di svolgimento in forma mista)

Ai sensi dello Statuto e del Regolamento associativo è convocata l’Assemblea Ordinaria Intermedia dei Soci del Gruppo Intercomunale Aido Sassari-Ittiri che si terrà il giorno 23 Aprile p.v. alle h 16,30 in prima convocazione ed il giorno 24 Aprile p.v. alle h 16,30 in seconda convocazione.           L’Assemblea dei Soci in seconda convocazione si terrà in forma mista, in presenza e a distanza come di seguito indicato: con modalità in presenza presso la sala della biblioteca francescana sita ad Ittiri in via Sassari, nei limiti di capienza della sala. Pertanto, chi intendesse partecipare in presenza, dovrà comunicarlo necessariamente in tempo e verrà rispettato come prioritario l’ordine cronologico delle prenotazioni. I presenti sono obbligati ad in indossare in modo continuativo una mascherina di protezione delle vie respiratorie , mantenendo il distanziamento interpersonale di almeno un metro e provvedendo all’igienizzazione delle mani con apposito gel idroalcolico. con modalità a distanza: mediante l’utilizzo della piattaforma di videoconferenza (sistema Microsoft Teams). Il link di collegamento verrà messo a disposizione dei soci nel sito dell’associazione (aidosassari-ittiri.it) 6 ore prima dell’assemblea.                                                                      ORDINE DEL GIORNO 1- Elezione del Presidente e del Segretario dell’Assemblea 2- Presentazione, discussione ed approvazione: relazione sull’attività svolta nel 2020 elaborata dal Consiglio Direttivo; bilancio consuntivo anno 2020 accompagnato dalla relazione dell’Amministratore e dalla relazione del Revisore dei Conti; bilancio preventivo anno 2021; programmazione dell’attività annuale in applicazione delle linee politiche associative indicate dall’Assemblea Provinciale da attuare nell’ambito territoriale ; la definizione degli eventuali contributi a carico dei Soci. 3- Elezione componente Consiglio Direttivo in sostituzione della signora Salvatorica Cerchi (deceduta) 4- Varie ed Eventuali     Per il Consiglio Direttivo Il presidente (Antonio...

... continua

Donazione di organi, Sassari è la città più “generosa”

fonte: Tgcom24|Salute del 01/12/2020 È Sassari la città più “generosa” d’Italia per la donazione di organi e tessuti. La città sarda, infatti, è in testa alla nuova edizione dell’Indice del dono, il rapporto del Centro nazionale trapianti che fotografa le dichiarazioni di volontà sulla donazione registrate negli ultimi 12 mesi nei Comuni italiani. Milano è diciottesima, ventisettesima Roma, entrambe con un indice vicino alla media nazionale. Gli ultimi posti, invece, sono per Foggia, Catania, Reggio Calabria, Napoli e Palermo Al momento del rinnovo della carta d’identità viene richiesto se donare o meno e Sassari, con un tasso di consenso superiore all’80%, ha raggiunto il miglior risultato complessivo tra le città con più di 100mila abitanti, superando sul podio Livorno e Trento. E’ il secondo anno per una città sarda (nel 2019 fu la volta di Cagliari, ora settima). Milano è diciottesima, ventisettesima Roma, entrambe con un indice vicino alla media nazionale. Gli ultimi posti, invece, sono per Foggia, seguita in negativo da Catania, Reggio Calabria, Napoli e Palermo. Lo studio fa emergere una forte differenza in termini di consenso alla donazione tra Nord e Sud: Provincia autonoma di Trento, Valle d’Aosta, Sardegna, Veneto e Friuli sono in testa tra i più generosi, mentre in coda c’è la Sicilia, preceduta da Campania, Calabria, Basilicata, Molise e Puglia. Tra i Comuni medio-grandi (tra i 30 e i 100mila abitanti), al primo posto è Merano (Bolzano) davanti a Nuoro e Pomigliano d’Arco (Napoli). Maglia nera tra i meno generosi, Manfredonia (Foggia). Tra i Comuni medio-piccoli (tra i 5 e i 30mila abitanti), il più generoso è Primiero San Martino di Castrozza (Trento), ultimo è Qualiano (Napoli). Nei piccoli Comuni, quelli con meno di 5mila abitanti, è invece Ustica (Palermo) ad essere quello piu’ generoso. Sul versante opposto della classifica è Saludecio (Rimini). Finora nel 2020 sono state registrate dai Comuni complessivamente 1.730.904 dichiarazioni di volontà in calo del 32% circa rispetto al 2019, a causa del lockdown dello scorso aprile che ha determinato un forte rallentamento delle attività nelle amministrazioni locali nel rilascio delle carte d’identità e, di riflesso, delle volontà registrate. Più del 50% dei maggiorenni che rinnovano la carta d’identità si esprime sulla donazione ma, tra i segnali di allerta, c’è la crescita del tasso di opposizione alla donazione: più di 3 cittadini su 10 si dichiarano contrari alla donazione (34% i “no” censiti nel 2020 contro i 32.8% dell’anno precedente). Per Massimo Cardillo, del Centro nazionale trapianti, “L’aumento delle opposizioni alla donazione potrebbe essere insostenibile a lungo...

... continua

Rinnovata la Presidenza della Giunta Nazionale. In Consiglio Nazionale per la Sardegna Giuseppe Collu.

Il lungo e articolato cammino del rinnovo di tutte le strutture AIDO in Italia si è concluso sabato 14 novembre, con la conferma alla guida dell’Associazione di Flavia Petrin, eletta sostanzialmente all’unanimità Presidente Nazionale (nessun voto contrario, un astenuto) dai ventidue componenti del nuovo Consiglio Nazionale, a sua volta nominato dall’Assemblea Elettiva svoltasi il 30 e 31 ottobre scorsi. In questo modo la Presidente Petrin raccoglie meritatamente i frutti di un lavoro intenso, intelligente, fermo ma sempre aperto al dialogo, che le ha permesso di “ricucire” la nazione AIDO e che consente all’Associazione, prima nel vastissimo mondo del Terzo settore, di riprendere un cammino efficace e concreto per la diffusione della cultura della solidarietà, della cura del prossimo sofferente, del soccorso alle persone più fragili e indifese: le persone in lista d’attesa per un trapianto d’organi che permetta loro di continuare a vivere. Con la Presidente Petrin, e su sua proposta, sono stati eletti i componenti della nuova Giunta di Presidenza. Tre di essi provengono dalla Giunta precedente: Leonio Callioni (Lombardia) eletto Vice Presidente Vicario; Vito Scarola (Puglia) Vice Presidente; Maurizio Ulacco (Toscana) Vice Presidente. La Giunta si è completata con l’elezione di: Daniele Damele (Friuli-Venezia Giulia) Amministratore; Bertilla Troietto (Veneto) Segretaria. Questa la Giunta di Presidenza che si è subito messa al lavoro per realizzare il denso programma previsto dal Documento di indirizzo di politica associativa approvato dall’Assemblea Elettiva e fatto proprio dal nuovo Consiglio Nazionale, i cui componenti sono, nella formulazione completa: Flavia Petrin (Veneto), Leonio Callioni (Lombardia), Daniele Damele (Friuli-Venezia Giulia), Maurizio Ulacco (Toscana), Vito Scarola (Puglia), Stefano Rabozzi (Piemonte), Giuseppe Collu (Sardegna), Guido Bellinghieri (Sicilia), Roberto Ciarimboli (Marche), Marco Costantini (Emilia-Romagna), Donato Rapone (Basilicata), Lucio Luciani (Trentino), Ines Maroni (Calabria), Marina Padovan (Lazio), Gabriele Rondini (Umbria), Bruno Battistin (Liguria), Rita Viscovo (Molise), Bertilla Troietto (Veneto), Maurizio Sardella (Lombardia), Donata Colombo (Lombardia), Lucio D’Atri (Lombardia), Corrado Valli (Lombardia). Poiché ha rinunciato all’incarico Antonio Di Nunzio (Abruzzo), già Presidente regionale, gli subentrerà Nicola Alessandrini. A sua volta, dopo aver partecipato alla votazione della nuova Giunta perché eletto per la Lombardia, ha annunciato che rinuncerà Corrado Valli, neo Presidente regionale della Lombardia. Gli subentrerà Giuseppe Neglia, eletto per la Puglia. Con queste elezioni AIDO ha dimostrato una vitalità e una capacità di tenuta impressionanti, in un anno gravato da pesanti ripercussioni su tutta l’attività di volontariato nazionale. Infatti, nonostante tantissimi problemi di ogni genere, hanno saputo rinnovarsi, per continuare nel servizio alla cultura della donazione, i circa 850 Gruppi comunali, le quasi 90 Sezioni provinciali, i 21 Consigli regionali ed infine il Consiglio e la Giunta Nazionale. Felice, ovviamente, ma tanto più consapevole degli alti compiti che le sono stati attribuiti con questo riconoscimento “stellare”, la riconfermata Presidente Nazionale, Flavia Petrin, sottolinea: “Avevo avuto una indicazione positiva già in Assemblea elettiva, alla quale ha partecipato, favorito dalla modalità da remoto, il più alto numero di delegati mai avuti prima. Devo dire che questo risultato plebiscitario mi aveva confermato nel sostegno dei dirigenti dell’Associazione, ma non avrei mai potuto immaginare che, poi, sia io che tutti i componenti di Giunta che ho proposto, sarebbero stati eletti senza nessun voto contrario. Partiamo così, a mio modo di vedere, con il piede giusto, con la fiducia dei dirigenti di ogni livello e con la voglia di fare ancora meglio del passato mandato. Ovviamente, se ci sarà possibile e se saremo all’altezza delle sfide che ci aspettano. Ma sicuramente non ci risparmieremo e daremo il massimo per fare in modo che la proposta di AIDO conquisti sempre di più il cuore degli...

... continua

Giornate dell’Informazione “un anthurium per l’Informazione”

In tutta Italia, il 28 e 29 settembre si sono svolte, a cura dell’Aido, le giornate dell’Informazione “un anthurium per l’Informazione”. Il Gruppo Aido Intercomunale Sassari-Ittiri era presente con le sue postazioni e le piante. Ittiri 28 Settembre Mercato Civico e Sassari 29 Settembre in Piazza d’Italia. [Mostra...

... continua

Incontro con gli studenti della scuola media di Ittiri

Sabato 1 Giugno il nostro Gruppo ha incontrato 80 studenti delle scuole medie di Ittiri per parlare di donazione di organi [Mostra...

... continua

Papa Francesco incontra il gruppo AIDO della Sardegna

Gesto gratuito di responsabilità sociale La donazione di organi «risponde a una necessità sociale» e va considerata perciò un gesto «nobile e meritorio», a patto tuttavia che resti «un atto gratuito non retribuito», per evitare «ogni forma di mercificazione del corpo o di una sua parte». Lo ha detto il Papa ai volontari dell’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (Aido), ricevuti in udienza nella mattina di sabato 13 aprile, nella Sala Clementina. Secondo Francesco, «la donazione significa guardare e andare oltre sé stessi, oltre i bisogni individuali e aprirsi con generosità verso un bene più ampio». In questa prospettiva, ha sottolineato, «si pone non solo come atto di responsabilità sociale, bensì quale espressione della fraternità universale che lega tra loro tutti gli uomini e le donne». È importante perciò «promuovere una cultura della donazione» che, attraverso l’informazione, la sensibilizzazione e l’impegno, «favorisca questa offerta di una parte del proprio corpo, senza rischio o conseguenze sproporzionate, nella donazione da vivente, e di tutti gli organi dopo la propria morte». Leggi il discorso integrale di Papa FrancescoIl video dell’udienza con Papa Francesco [Mostra...

... continua
Torna suTorna su